Osservazione e libertà d'azione sono la chiave dell'innovazione targata IBSA

Osservazione e libertà d'azione sono la chiave dell'innovazione targata IBSA

Conversazione con Tiziano Fossati, Head of Research & Development Pharmaceutical

14 ottobre 2020

In ogni ambito, sotto ogni punto di vista, innovare è l’unico modo efficace per perfezionare, ottimizzare, raggiungere l’eccellenza e, anche, arrivare a nuove scoperte scientifiche o invenzioni tecnologiche. In IBSA, questo è da sempre un pilastro fondamentale, un valore guida sia per lo sviluppo dei prodotti sia del business.

A spiegare questa filosofia nel suo ambito di lavoro è Tiziano Fossati, Head of Research & Development Pharmaceutical. “La mission di IBSA è quella di innovare prodotti esistenti affinché rispondano in modo più efficace a una particolare esigenza fisiologica o con caratteristiche più performanti dei prodotti attualmente sul mercato. Non quindi prodotti totalmente nuovi, ma migliorativi della qualità di vita e più aderenti ai bisogni di salute delle persone.
Affinamenti che richiedono intuizione, impegno e lavoro e che creino un bilanciamento fra la cosiddetta qualità percepita e la qualità sostanziale. In linea di massima poi, occorre tenere sempre presente che non esiste un prodotto ottimale per tutti, perché nella sua valutazione rientrano le esigenze, i gusti e pure una discreta componente psicologica. Aspetti ben chiari e radicati nella realtà in cui operiamo”
.

Questo modo di affrontare la situazione in tutti i suoi differenti profili, si basa su alcune considerazioni metodologiche che sono alla base dell’approccio di IBSA alla creazione dei prodotti. “Un prodotto può nascere sul campo, ad esempio da un’analisi che consente di offrire una soluzione di cura migliorata, oppure può sprigionarsi da una ricerca di base o, ancora, dall’osservazione di programmi particolarmente innovativi come le startup. Possiamo dire che il processo di invenzione interno avviene prestando attenzione a tutte quelle che sono le innovazioni esterne. Per noi l’innovazione che nasce dalla valutazione dell’ambiente circostante, è sempre complementare all’abilità di attuare un prodotto concreto e in linea con le nostre aspettative aziendali.”

A giocare un ruolo di particolare importanza, inoltre, è il modo in cui IBSA viene percepita.
“Oggi l’azienda ha una grande visibilità ed è considerata un riferimento nel proprio settore e ciò genera una molteplicità di interessi per lo sviluppo di nuove idee e applicazioni, non solo a livello scientifico, ma anche sul piano della messa in commercio. Le intuizioni su cui si basa lo sviluppo di un prodotto, arrivano infatti anche dal marketing e dal mercato. Quindi, per capire se un’idea è valida e per stabilire delle priorità, si selezionano per primi i progetti scientificamente più innovativi e concreti, ma anche più in linea con le specifiche esigenze di mercato e più vicine alle necessità della commercializzazione. Infine, il rapporto qualità-prezzo è un altro aspetto importantissimo per cui occorre piena gestione e cura affinché gli elementi innovativi siano davvero attuabili.
La componente di rischio in questo campo è una costante che va gestita con l’esperienza e il miglioramento continuo”
.

Per chiudere il cerchio dell’innovazione si arriva quindi a un altro pilastro della filosofia di IBSA: le persone e la loro valorizzazione. “Negli anni IBSA ha cambiato approccio sia in relazione alla crescita professionale delle risorse interne, sia delle maggiori disponibilità economiche che hanno generato un ampio spazio al miglioramento complessivo. Nel 2000 eravamo forse meno del 10% dei collaboratori attualmente impiegati nel Gruppo, ma anche allora l’azienda era già particolarmente dinamica con grande libertà intellettuale e di azione. E questo oggi è ancora valido. Ecco perché IBSA è il posto ideale per chi non teme di mettersi in gioco!

Condividi sui tuoi canali social